lett

“Six years of experience using an advanced algorithm for botulinum toxin application” , presentato da rinomati autori internazionali, consiste in uno studio finalizzato alla presentazione di un algoritmo avanzato per l’utilizzo della tossina botulinica applicata ad un gruppo di pazienti comparato ad un altro gruppo trattato seguendo le linee guida standard.

La tossina botulinica rappresenta il gold standard nel trattamento delle rughe dinamiche del viso e del collo. Oltre alle comuni complicanze dovute al traumatismo, la maggior parte degli effetti indesiderati legati a questa pratica dipende da errori tecnici (dosi non corrette, errati punti di iniezione, ecc) che portano ad asimmetrie, espressioni innaturali, insoddisfazione delle pazienti.

Lo studio ha lo scopo di proporre un algoritmo che analizza  dettagliatamente le strutture anatomiche  (glabella, fronte,area perioculare, area nasale, zona periorale,  collo), ottenendo immagini digitali sia in fase statica che in fase dinamica così da valutare in maniera specifica ogni paziente e personalizzare il trattamento.

La metodologia è adeguata in termini di qualità dei criteri implementati, numero di soggetti coinvolti nello studio (1000 in totale, 500 gruppo che segue l’algoritmo, 500 gruppo di controllo) criteri di valutazione dei risultati ottenuti, ricerca bibliografica e valutazione delle conclusioni.

Dallo studio risulta che utilizzando l’algoritmo proposto vengono utilizzate maggiori quantità di tossina botulinica a livello gabellare, frontale e perioculare; in maniera similare sono maggiori anche i punti di inoculo rispetto al gruppo di controllo. Ne deriva una minore necessità di ritocco a 15 giorni dal trattamento. La soddisfazione delle pazienti in termini di qualità e di durata del risultato risulta di 495 (con algoritmo) contro i 416 (senza algoritmo); questo dato varia significativamente a 6 mesi dove si registrano 479 pazienti soddisfatti nel primo gruppo (con algoritmo) contro 195 del secondo gruppo (senza algoritmo).

In questo studio gli autori hanno voluto sottolineare l’importanza della valutazione pre trattamento in termini anatomici così da proporre un loro algoritmo che aiuti nel personalizzare i trattamenti in base alle differenze che le pazienti presentano al fine di ottenere risultati soddisfacenti e duraturi, riconoscendo che ogni medico con l’esperienza maturata approccia ai trattamenti con un proprio metodo. 

Autore del contributo di commento:

 NOVIELLO SERGIO COMITATO Sergio Noviello Membro del Comitato Scientifico Agorà

con la collaborazione del Dott. Riccardo Martinelli

 

 ARTICOLO ORIGINALE OGGETTO DEL COMMENTO:

J Cosmet Dermatol.
2019 Feb;18(1):21-35.
doi: 10.1111/jocd.12815. Epub 2018 Dec 10.

 

Six years of experience using an advanced algorithm for botulinum toxin application.

Casabona G1Kaye K2Barreto Marchese P3Boggio R4Cotofana S5.

 

BACKGROUND:

Botulinum toxin (BTX) products continue to be widely used for facial rejuvenation. Variables to consider prior to BTX treatment include the anatomical area to be treated, gender, muscle mass, ethnicity, skin thickness, and the effects of aging.

OBJECTIVE:

To describe a treatment algorithm which has been developed for facial rejuvenation to help physicians to easily and systematically customize BTX treatment, and to describe its use in a large number of patients.

 

METHODS AND MATERIALS:

Prior to treatment, digital images of patients were obtained while relaxed and while forming different facial expressions. This information was used to plan the depth, dose, and location of BTX injections (onabotulinumtoxinA; Botox® ; Allergan, Inc). Dilution was 100 U of BTX to 1 mL 0.9% preserved saline. Injections were performed with 30 U insulin syringes and 30 gauge needles.

 

RESULTS:

The treatment algorithm described here has been used by the author for facial rejuvenation for more than 5 years. It was originally based on published guidelines; however, by carefully noting treatment outcomes, the number and location of injection points and the dose of BTX used have been modified to create the current treatment system.

 

CONCLUSION:

Published guidelines for the use of BTX are an excellent starting point for clinicians with little experience; however, each practitioner is likely to develop their own algorithm for achieving good facial rejuvenation outcomes.

 

 A seguito riportiamo l'approfondimento della revisione con l'articolo originale (accessibile solo agli Associati Agorà)
area riservata

Questo contenuto appartiene alla categoria riservata ai Soci Agorà ed è quindi solo PARZIALMENTE visibile a tutti gli utenti . clicca qui per vedere i privilegi riservati agli Associati Agorà e valutare se di Suo interesse l'adesione anche per visualizzare il contenuto in modo esteso

FaLang translation system by Faboba