NEWS

ACCESSO UTENTI REGISTRATI - SOCI E STUDENTI

PUNTO DI ACCESSO ASSOCIATI AGORA'


RETTIFICA AIFA RELATIVA ALL'IMPIEGO DELLA TOSSINA BOTULINICA A FINALITA' ESTETICA
DA PARTE DEI LAUREATI IN ODONTOIATRIA


aifaCari Colleghi,
vi comunichiamo che la nostra società scientifica insieme al Collegio delle Società Scientifiche di Medicina Estetica  (Agorà, Sies, Sime) ed alle società scientifiche aderenti all’iniziativa legale intrapresa (Aicpe, Aiteb, Sicpre) ha ottenuto la rettifica da parte dell’AIFA della Nota AIFA/AAM/P/12916 relativa alla facoltà di impiego delle specialità medicinali a base di Tossina Botulinica Azzalure, Bocouture e Vistabex da parte dell’Odontoiatria.

Riportiamo a seguito il contenuto letterale della nota:

“in conformità al parere del Consiglio Superiore di Sanità del 15.07.2014, l’odontoiatra può effettuare “terapie con finalità estetica, solo dove queste siano destinate, ai sensi della legge 24 luglio 1985, n. 409, alla terapia delle malattie ed anomalie congenite ed acquisite dei denti, della bocca, delle mascelle e dei relativi tessuti e solo ove contemplate in un protocollo di cura odontoiatrico ampio e completo proposto al paziente, tale da rendere la cura estetica “correlata” e non esclusiva, all’intero iter terapeutico odontoiatrico proposto al paziente medesimo, e comunque limitatamente alla zona labiale. Le terapie attuate non potranno, tuttavia, essere eseguite con l’impiego di dispositivi medici e farmaci immessi in commercio per finalità terapeutiche diverse dalla cura di zone anatomiche che sfuggano alle previsione dell’art 2 della legge 409/85.
Al riguardo si rappresenta che le indicazioni terapeutiche dei prodotti a base di tossina botulinica a uso estetico (Azzalure, Bocouture, Vistabex) sono invece limitate al terzo superiore del volto”
 
 
Siamo lieti che l’AIFA abbia accolto la richiesta di rettifica inoltrata dallo Studio Legale Lerro & Associati ed abbia inserito in una nota ufficiale i principi sanciti dal parere del Consiglio Superiore di Sanità del 15.07.2014 che, ricordiamo, indica per la pratica delle attività di Medicina Estetica da parte dell’Odontoiatra precisi contorni:
 
1.    limitatamente all’area anatomica di competenza odontoiatrica (confine labiale come sancito dal parere CSS) 
 
2.    per trattamenti esclusivamente correlati alle cure odontoiatriche in un protocollo ampio e completo tale da rendere la cura estetica correlata e non esclusiva
 
3.    mediante impiego di device e farmaci immessi in commercio per il trattamento dell’area anatomica odontoiatrica

 
Inviamo questa comunicazione al fine di rispondere ai tanti colleghi medici ed odontoiatri che si sono rivolti a noi per chiedere un chiarimento formale in merito alla liceità di impiego da parte dell’odontoiatra della tossina botulinica in ambito estetico, in ragione della confusione generata da corsi di formazione specifica che quindi auspichiamo vengano adeguati alla luce dell’ulteriore conferma formale da parte di un organo istituzionale di quanto indicato dal Consiglio Superiore di Sanità già dal 2015 e da noi sempre sostenuto.
 
Divulghiamo anche ai pazienti questa chiara nota AIFA, viste le numerose richieste di chiarimento che si erano generate a seguito della diffusione da parte dell’ambito odontoiatrico della nota ora, finalmente, rettificata.

Prof. Alberto Massirone
Presidente
 
Dott. Claudio Plebani
Responsabile Ufficio Legale & Development

 

 

 

 

uptodateland

La giornata è una importante occasione di formazione ed è strutturata dalle 9 alle 18 prevede la presentazione dei principali aggiornamenti di tecniche, device e tecnologie relative alla Medicina Estetica attraverso presentazioni teoriche e pratiche della durata di circa 30 minuti ciascuno.

 

PDF DOWNLOAD

SCARICA IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA

 

 

iscrizioneonline

 

Vuoi Aderire ad Agorà in qualità di associato e partecipare all'evento?

Associati cliccando sul banner riportato sotto e per ogni necessità contatta la nostra segreteria TEL. 0286453780 oppure invia una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

CAMPAGNA ASSOCIATIVA 1

 

COMUNICATO STAMPA

 dentista

  

AIFA ESTENDE ALL’ODONTOIATRA L’IMPIEGO DELLA TOSSINA BOTULINICA DI FASCIA H (alcune) PER LE SOLE INDICAZIONI TERAPEUTICHE DI SPASMO EMIFACCIALE E DISTONIE FOCALI ASSOCIATI, NESSUNA ESTENSIONE IN AMBITO ESTETICO

Massirone (Società di Medicina Estetica Agorà) e Priori (Società di Medicina e Chirurgia Estetica SIES) emettono un comunicato stampa al fine di fare chiarezza a tutela della sicurezza dei pazienti

In questi giorni si sono susseguiti articoli stampa e newsletter dove alcune associazioni dell’ambito odontoiatrico diffondevano i contenuti relativi alla determina AIFA 241/2017 che estende all’odontoiatra la possibilità di impiegare due specialità medicinali di fascia H ‘Dysport’ e ‘Botox’.

Quello che appare grave è che le informazioni diffuse facciano riferimento ad una generica estensione di impiego all’odontoiatra per fini terapeutici senza evidenziare che la determina AIFA è ben specifica e cita:

[PAGINA 3 determina AIFA 241/2017 5’ paragrafo]

Considerato tutto quanto sopra esposto, l’estensione all’odontoiatra della possibilità di prescrivere e somministrare la tossina botulinica di tipo A per indicazioni terapeutiche può essere presa in considerazione esclusivamente per i medicinali Botox e Dysport e limitatamente alle indicazioni terapeutiche approvate (Botox: spasmo emifacciale e distonie focali associati; Dysport: spasmo emifacciale]

[PAGINA 4 determina AIFA 241/2017 2’ paragrafo]

si conferma che i medicinali sopraindicati non sono invece prescrivibili e somministrabili per tutti gli altri usi clinici menzionati nella letteratura portata a supporto della richiesta del 20 ottobre 2016, protocollo AIFA-STDG-A-13627 del 10.02.2017, dell’associazione Italiana di Medicina Estetica Odontoiatrica (SIMEO) e della Perioral and Oral Integrated Esthetics Scientific International Society (POIESIS)

Pertanto si ribadisce come ad oggi la determina AIFA consenta di impiegare solo specialità medicinali di fascia H (che hanno un conseguente limite di impiego in strutture ospedaliere o assimilabili e secondo le specifiche relative ai farmaci citati nella determina AIFA) all’odontoiatra ESCLUSIVAMENTE per le indicazioni terapeutiche di:

  1. SPASMO EMIFACCIALE
  2. DISTONIE FOCALI ASSOCIATE

Le società scientifiche ritengono doveroso informare associati, colleghi, odontoiatri di quanto sopra affinché vi sia chiarezza e sicurezza per il paziente finale.

Il presente comunicato sottoscritto dal Presidente di Agorà Alberto Massirone, dal Presidente di SIES, Maurizio Priori e dai rispettivi uffici legali che ne hanno curato la disamina, al Ministero della Salute, al Consiglio Superiore di Sanità, al Comando Nazionale dei Carabinieri NAS affinchè tutti gli organismi possano vigilare sulla corretta applicazione della determina AIFA.

A tutela della corretta informazione il comunicato stampa viene trasmesso a tutti gli organi di stampa ed ai sensi della vigente normativa viene trasmessa richiesta di rettifica a tutte le testate che abbiano pubblicato o ripreso contenuti che possano in qualche modo ledere l’interesse o generare confusione negli utenti finali.

Al fine di diffondere la corretta informazione alla classe medica ed odontoiatrica viene trasmessa specifica richiesta a Fnomceo, agli ordini dei medici chirurghi ed odontoiatri di tutte le province italiani affinchè ne diano adeguata comunicazione a tutti gli iscritti.

 

 

Claudio Plebani                                                                                   Federica Lerro

Ufficio Legale Agorà                                                                           Ufficio Legale SIES

Studio Legale Lerro & Associati                                                         Studio Legale Lerro & Associati

 

SCARICA LA DETERMINA AIFA 241/2017

 up to date banner 2018

  

SCARICA IL PROGRAMMA DELL'EVENTO

 

ISCRIVITI ALL'EVENTO CLICCANDO QUI

Vuoi informazioni su come associarti ad Agorà? clicca qui o contatta la segreteria allo 0286453780

 

 

tsimmaginefiscoIn vista dalla scadenza di trasmissione prevista per il 31.01.2017 e poi prorogata al 09.02.2017 l'ufficio legale ha predisposto un breve sunto degli ultimi aggiornamenti normativi in merito alla trasmissione dei dati sanitari al sistema TS (tessera sanitaria).
il parere è stato anche condiviso con il Collegio Italiano delle Società Scientifiche in Medicina Estetica

 
 
Con il Decreto Legge del 2.08.2016 (Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 187 del 11.08.2016) art. 2 è stato modificato l’Allegato A del D.M. 31 luglio 2015, contenente il “Disciplinare tecnico riguardante la trasmissione dei dati delle spese sanitarie sostenute dall’assistito al Sistema TS da parte dei soggetti previsti dall’art. 3, comma 3 del decreto-legge 175/2014”indicando espressamente che le spese per le prestazioni di chirurgia estetica e di MEDICINA ESTETICA, a decorrere da quelle sostenute dal 1° gennaio 2016 devono essere classificate con il codice IC.
 
Corrispondentemente, è stato modificato anche l’Allegato B del medesimo decreto, contenente il “Disciplinare tecnico riguardante il trattamento dei dati da rendere disponibili all’Agenzia delle Entrate da parte del Sistema TS”, 
 

Segnaliamo pertanto che alla luce di questo aggiornamento normativo risulterebbero da trasmettere:
con il codice 
IC - Prestazioni di chirurgia estetica e di MEDICINA ESTETICA ambulatoriale o ospedaliera
con il codice SR - Prestazione di assistenza specialistica ambulatoriale escluse le prestazioni di chirurgia estetica e di MEDICINA ESTETICA

per la trasmissione effettuata lo scorso anno, confermiamo la correttezza relativa all'indicazione delle prestazioni di medicina estetica con la voce SR in quanto all'epoca della precedente scadenza la normativa non era ancora stata modificata.
 

La tramissione può essere effettuata dal Medico o dal proprio consulente fiscale mediante le credenziali di accesso al sistema TS che si possono ottenere ad esempio rivolgendosi al proprio Ordine dei Medici

IN MERITO ALL'ESERCIZIO DEI PAZIENTI DEL DIRITTO DI OPPORSI ALL'INVIO
 
Questo adempimento è previsto per rendere automatica la procedura di detrazione delle spese sanitarie con il modello 730 precompilato, pertanto per qualsivoglia tipologia di prestazione erogata, il paziente ha DIRITTO di opporsi al trattamento e quindi di non richiedervi la trasmissione automatica dei dati al sistema TS.
La mancata trasmissione non preclude al paziente la possibilità di detrarre le spese, ma rende tale possibilità manuale come avveniva in passato con la gestione delle ricevute sanitarie da parte del paziente e del suo consulente fiscale.
Suggeriamo, al fine di permettere ai vostri pazienti di esercitare il loro diritto a negare la trasmissione dei propri dati al STS – Sistema Tessera Sanitaria, a richiedere in occasione dell’emissione della ricevuta fiscale, quale sia la loro volontà in tal senso, inserendo in caso di scelta negativa la dicitura di cui sotto (anche attraverso un timbro) sia sulla copia rilasciata al paziente che su quella da Voi trattenuta.

Dicitura da riportare in fattura
I dati della presente Fattura, su richiesta dell’interessato, non saranno inviati al Sistema Tessera Sanitaria, così come previsto dal D.Lgs.Vo 175/2014 e successivi provvedimenti

 
L'Ufficio Legale rimane a disposizione dei medici e dei loro consulenti fiscali per eventuali chiarimenti attraverso esclusivamente la posta elettronica (claudio.plebani@societamedicinaestetica.it) a causa dell'elevato volume di richieste che stanno pervenendo negli ultimi giorni, in caso di necessità verrete richiamati a seguito della ricezione della mail.

 
 

Claudio Plebani
Responsabile Ufficio Legale Agorà
Ufficio Legale Collegio Medicina Estetica
Studio Legale Lerro & Associati

Federica Lerro
Responsabile Ufficio Legale SIES
Ufficio Legale Collegio Medicina Estetica
Studio Legale Lerro & Associat

MINISTERO SALUTELa nostra società scientifica, unitamente al Collegio Italiano delle Società Scientifiche di Medicina Estetica ha rinnovato la collaborazione con il Ministero della Salute in merito alla segnalazione di incidenti con i Medical Device in Medicina Estetica.
Nella rinnovata collaborazione con il Ministero della Salute, nella persona della dott.ssa Marcella Marletta, Direttore Generale della Direzione Generale dei Dispositivi Medici e del Servizio Farmaceutico, e delle dott.sse Rosaria Boldrini e Antonella Campanale della stessa Direzione, Agorà, unitamente al Collegio Italiano delle Società Scientifiche di Medicina Estetica, tiene a ricordarvi l’importanza della segnalazione degli eventi avversi al Ministero della Salute.

 

 

Al fine di facilitare il medico, il Ministero ha reso più snella la procedura per la segnalazione, tanto che è ora possibile effettuarla online compilando un Rapporto di incidente, accessibile

CLICCANDO QUI

La segnalazione dell’evento costituisce un servizio utilissimo per la tutela del paziente e del professionista stesso perché può aiutare a prevenire i rischi causati da eventi futuri di natura simile.

Se da una parte la segnalazione è un prezioso e utile strumento nelle mani del Medico, dall’altra non rappresenta assolutamente una minaccia per il professionista stesso, che non viene in alcun modo considerato responsabile della complicanza.

È una denuncia dell’evento, non del Medico.

Agorà, quindi, anche a nome del Collegio, vi rinnova l’invito ad avviare, in caso di evento avverso, la necessaria procedura di segnalazione. 

Per facilitarvi nella procedura, il Collegio mette a disposizione un tutorial ideato per agevolarvi nella eventuale compilazione.

SCARICA IL TUTORIAL CLICCANDO QUI

Certi della Vostra collaborazione, inviamo i nostri migliori saluti

Il Consiglio Direttivo Agorà

 

Questo contenuto appartiene alla categoria riservata ai Soci Agorà ed è quindi solo PARZIALMENTE visibile a tutti gli utenti . clicca qui per vedere i privilegi riservati agli Associati Agorà e valutare se di Suo interesse l'adesione anche per visualizzare il contenuto in modo esteso

iva in medicina esteticaSegnaliamo che ci sono giunte molte richieste di supporto da parte di medici che hanno ricevuto accertamenti da parte dell'Agenzia delle Entrate in merito alla richiesta di applicazione dell'IVA alle prestazioni di Medicina Estetica.
La nostra società scientifica ha predisposto un dossier informativo destinato ai Medici ed ai consulenti fiscali e legali sui pressuposti della non applicabilità dell'IVA alle prestazioni di Medicina Estetica.
Riteniamo di fondamentale importanza che i medici ed i professionisti che li supportano prendano visione del Position Statement sviluppato con le Società Scientifiche di settore e della documentazione prodotta (tra cui alcuni documenti dell'Ordine dei Medici di Milano)

 SCARICA IL POSITION STATEMENT SULL'IVA IN FORMATO PDF

POSITION STATEMENT

DELLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE

DI MEDICINA ESTETICA E DI CHIRURGIA ESTETICA

A SEGUITO DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA

 

per quanto di pertinenza della Medicina Estetica

AGORÀ - Società Italiana di Medicina ad Indirizzo Estetico

SIES Società Italiana di Medicina e Chirurgia Estetica

SIME - Società Italiana di Medicina Estetica
riunite nel COLLEGIO ITALIANO DELLE SOCIETA' SCIENTIFICHE DI MEDICINA ESTETICA

 

per quanto di pertinenza della Chirurgia Estetica

AICPE - Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica

ASSECE - Associazione Europea di Chirurgia Estetica

 

A seguito della pubblicazione della recente sentenza della Corte di Giustizia Europea Terza Sezione del 21.03.2013 nella causa C91/12 relativa all’assoggettabilità ad IVA delle prestazioni di Medicina Estetica e Chirurgia Estetica, le società firmatarie di questo position statement ritengono utile indicare le conclusioni alle quali sono giunti i board Medico Scientifici e Legali loro facenti parte:

PREMESSA SULLA CAUSA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA

La questione trae origine dalla richiesta di una società sanitaria svedese operante nel settore della c.d. chirurgia estetica (lifting, mastoplastica, blefaroplastica, otoplastica, etc), e nel settore della c.d. Medicina Estetica (depilazione laser definitiva, iniezioni di acido ialuronico, etc). All’Ente veniva negato, da parte dell’amministrazione finanziaria, il diritto del rimborso dell’IVA (delle spese, ovvero

degli acquisti portati in deduzione) in ragione dell’asserita assoggettabilità ad IVA delle prestazioni erogate poiché, a parere dell’Amministrazione, queste non risultavano sussumibili nel novero di quelle esenti ex Direttiva n. 2006/112/CE e che, pertanto, il richiedente non aveva diritto alla detrazione dell’imposta citata.

IL DISPOSITIVO DELLA SENTENZA

Le operazioni di Chirurgia Estetica e i trattamenti di Medicina Estetica risultano esenti dall’IVA ove ricadano nelle nozioni di “cure mediche” o di “prestazioni mediche” ai sensi della direttiva IVA n.2006/112/CE, qualora tali prestazioni abbiano lo scopo di diagnosticare, curare o guarire malattie o problemi di salute o di tutelare, mantenere o ristabilire la salute delle persone.


Elementi di normativa e prassi utili alla determinazione delle conclusioni:


DEFINIZIONE DI ATTO MEDICO D.P.R 633/1972

Prestazioni mediche di diagnosi, cura e riabilitazione il cui scopo principale è quello di tutelare, mantenere o ristabilire la salute delle persone, comprendendo in tale finalità anche quei trattamenti o esami medici a carattere profilattico eseguiti nei confronti di persone che non soffrono di alcuna malattia.

CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE n.4 DEL 28.02.2005 (le circolari sono prassi)

Le prestazioni mediche di chirurgia estetica sono esenti da IVA in quanto sono ontologicamente connesse al benessere psico-fisico del soggetto che riceve la prestazione e quindi alla tutela della salute della persona.

Si tratta di interventi tesi a riparare inestetismi, sia congeniti sia talvolta dovuti ad eventi pregressi di vario genere (es: malattie tumorali, incidenti stradali, incendi, ecc.), comunque suscettibili di creare disagi psico-fisici alle persone.

DIRETTIVA COMUNITARIA IVA 2006/12/CE

Capo II - Articolo 132

Gli stati membri esentano Le seguenti prestazioni: […]

Le prestazioni mediche effettuate nell’esercizio delle professioni mediche e paramediche quali sono definite dallo Stato membro interessato;

DEFINIZIONE DI SALUTE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

Stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia.

ART. 5 CODICE CIVILE

Gli atti di disposizione del proprio corpo sono vietati quando cagionino una diminuzione permanente della integrità fisica, o quando siano altrimenti contrari alla legge, all’ordine pubblico o al buon costume.

CONCLUSIONI

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiarito come il concetto di salute debba essere inteso “..non solo assenza di malattia, ma stato di completo benessere fisico, psicologico e sociale.”

I trattamenti medici, per poter essere ritenuti leciti, devono svolgere le funzioni alle quali sono deputati, ovvero la diagnosi, la terapia e la riabilitazione, a prescindere dalla singola branca di intervento nella quale insistono, poiché se così non fosse risulterebbero illeciti in virtù del limite imposto dall’art. 5 del Codice Civile.

I trattamenti di Medicina Estetica e Chirurgia Estetica sono rivolti, come qualsivoglia trattamento medico, alla cura di una determinata patologia. Se così non fosse, in virtù della diminuzione dell’integrità fisica che impongono per la loro esecuzione (esiti cicatriziali, impianto di sostanze, inoculazione di farmaci, asportazione di tessuti), incontrerebbero i limiti civilistici già citati e sarebbero

ritenuti illeciti.

La Medicina Estetica si occupa dell’individuazione e cura di tutte le patologie afferenti l’inestetismo stesso che, se trascurate possono favorire lo svilupparsi di disturbi secondari o addirittura terziari la cui prevenzione e trattamento è di competenza medica.

I trattamenti esclusivamente indirizzati alla cura di dismorfismi corporei, come quelli che ci occupano, possono essere ritenuti leciti solo ove questi siano idonei a curare l’impatto psicologico che il paziente subisce dalla permanenza del difetto lamentato.

In Medicina Estetica e Chirurgia Estetica, pertanto, non si interviene semplicemente per emendare un difetto, bensì per curare, in senso proprio, una patologia, ravvisata nella necessità di alcuni soggetti di rimuovere dimorfismi del proprio corpo idonei a procurare un impatto psicologico per la vita propria e di relazione.

In un siffatto impianto normativo, giurisprudenziale e di prassi in Italia la sentenza pronunciata dalla Corte di Giustizia Europea nella causa C91/12 non ha di fatto portato alcuna variazione allo stato ex ante la pronuncia, in quanto qualsiasi trattamento di Medicina Estetica o Chirurgia Estetica che viene attuato da un Medico, proprio per la sua natura di Atto Medico è ontologicamente connesso al conseguimento dello stato di benessere del paziente, valutato dal Medico mediante una visita medica.

Non si può quindi configurare alcun atto medico che abbia l’esclusiva finalità estetica o cosmetica se non connesso alla cura di una patologia. In conclusione le prestazioni mediche, anche di Medicina Estetica o Chirurgia Estetica a parere dei firmatari non sono, allo stato dell’arte, assoggettabili ad IVA.


AGORÀ - Società Italiana di Medicina ad Indirizzo Estetico

SIES Società Italiana di Medicina e Chirurgia Estetica

SIME - Società Italiana di Medicina Estetica

AICPE - Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica

ASSECE - Associazione Europea di Chirurgia Estetica


Legal Extensor:

Federica Lerro, Claudio Plebani

SCARICA IL POSITION STATEMENT SULL'IVA IN FORMATO PDF

SCARICA IL POSITION STATEMENT SULLA QUESTIONE IVA IN MEDICINA E CHIRURGIA ESTETICA

IN FORMATO PDF 

 

Questo contenuto appartiene alla categoria riservata ai Soci Agorà ed è quindi solo PARZIALMENTE visibile a tutti gli utenti . clicca qui per vedere i privilegi riservati agli Associati Agorà e valutare se di Suo interesse l'adesione anche per visualizzare il contenuto in modo esteso

conferenza medical deviceAgorà presente alla IX Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici della Direzione Generale dei Dispositivi Medici del Ministero della Salute che si è tenuta a Roma nella cornice dell'Auditorium Antonianum di Viale Manzoni 1 il 19 e 20 Dicembre 2016.
Nella sessione dedicata alla Medicina Estetica presieduta dalla Dott.ssa Marcella Marletta Direttore della Direzione Generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico del Ministero della Salute il responsabile del nostro ufficio legale Dott. Claudio Plebani ha tenuto una relazione sull'importanza della tracciabilità dei medical device in medicina estetica: aspetti clinici, legali e di dispositivo vigilanza.

 

 

 

 

20122016 Tracciabillita dei Medical Device Conferenza Ministero

 Stuttura della relazione presentata in occasione della IX Conferenza Nazionale sui Medical Device organizzata dal Ministero della Salute:

- La Società Scientifica Agorà - introduzione

- Lo scenario della Medicina Estetica
     - Trend e raffronto con la Chirurgia Estetica
     - I medici che attuano la Medicina Estetica in rapporto alla globalità della loro attività professionale
     - Le strutture in cui operano ed i requisiti di esercizio in rapporto alla tenuta della documentazione

- Gli aspetti clinici legati alla tracciabilità
     - La valutazione delle incompatibilità
     - La valutazione del follow-up
     - Gestione degli eventi avversi
     - Difficoltà relative all'individuazione strumentale degli iniettabili

- Gli aspetti legali relativi alla tracciabilità
     - Il profilo di responsabilità del medico
     - L'elemento probante
     - Il dato per la gestione delle segnalazioni
     - La completezza della documentazione clinica

- Gli aspetti di Dispositivo Vigilanza relativi alla tracciabilità
     - Il sistema di sorveglianza del Ministero
     - L'improcedibilità della segnalazione di incidente
     - Lo scenario relativo alle segnalazioni

- What's New, What's Next
    - Formazione e cultura
    - UDI Unique Device Identifier e relative proposte di implementazioni suggerite al Ministero
    - Formazione degli operatori per le segnalazioni

 

Autori:
Prof. Alberto Massirone
Presidente
Agorà - Società Italiana di Medicina ad Indirizzo Estetico

Dott. Claudio Plebani
Responsabile Ufficio Legale
Agorà - Società Italiana di Medicina ad Indirizzo Estetico

Relatore: Dott. Claudio Plebani

e08be61f 42ae 4266 9f35 6e462051870c  15621989 1081973461901904 2236589883004620943 n  15665798 1081973448568572 7764436297426286250 n

Questo contenuto appartiene alla categoria riservata ai Soci Agorà ed è quindi solo PARZIALMENTE visibile a tutti gli utenti . clicca qui per vedere i privilegi riservati agli Associati Agorà e valutare se di Suo interesse l'adesione anche per visualizzare il contenuto in modo esteso

Agorà dal 1986 attività scientifica e formativa per la Medicina Estetica

32
Anni di Scuola di
Formazione in Medicina Estetica
20 Congressi Scientifici di Rilevanza Internazionali
512 Corsi di formazione organizzati
493 Crediti ECM formativi erogati ogni anno (circa)
 

specificamedicinaestetica       logofism  sorgentelogoecm  logoiso   logocollegiomedicinaestetica     logouni

Agorà - Società Italiana di Medicina ad Indirizzo Estetico.

Via San Francesco D'Assisi 4/a - 20122 Milano- Italia +39 0286453780 E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SEGRETERIA SCIENTIFICA, ECM E SEDE DEI CORSI

CENTRO CLINICO E FORMATIVO AGORA'

gestione dei corsi, iscrizione ed informazioni

Via San Francesco D'Assisi 4/A
20122 Milano
Italia

Lun-Ven 9-18

MM LINEA 3 CROCETTA (300 mt)
MM LINEA 3 MISSORI (700 mt)

Parcheggi:

P- Piazza Cardinal Ferraris (100 mt) Autosilo 24h

ZONA AREA C

Tel. +39 0286453780
Fax. +39 0286453792
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SEDE DELLE ESERCITAZIONI PRATICHE

CENTRO CLINICO AGORA'

Sede dei corsi specificatamente segnalati

Via San Francesco D'Assisi 4/A
20122 Milano
Italia

Lun-Ven 9-19

MM LINEA 3 - CROCETTA


Parcheggi:

P - Piazza Cardinal Ferrari (Autosilo 24h)
P - Via San Francesco D'Assisi, Via Mercalli e Via Beatrice D'Este (striscia blu con ticket)

Tel. +39 02860321
Fax. +39 0280581794
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PER I PAZIENTI

CENTRO CLINICO AGORA'
visita   https://www.centroclinicoagora.it

 

  

SITE MAP

Powered by Digigreg